13/05/2019 17:50

Borchia-Ghidoni,
la coppia leghista

I maggiori rappresentanti della Lega veronese hanno partecipato alla presentazione ufficiale dell’accoppiata Borchia-Ghidoni per le prossime elezioni europee del 26 maggio (GUARDA SERVIZIO TV). Oltre ai due candidati erano presenti, tra gli altri, il senatore Paolo Tosato, i consiglieri regionali Enrico Corsi e Alessandro Montagnoli e il vicesindaco di Verona Luca Zanotto con l’assessore Francesca Toffali.

Paolo Borchia, veronese, 38 anni, laureato, ha una profonda conoscenza del Parlamento Europeo dove lavora dal 2010. “La mia è una candidatura tecnica" spiega "perchè per essere operativi sin da subito è importante conoscere i meccanismi di Bruxelles. Vogliamo un'Europa identitaria, che rispetti i suoi popoli e le sue tradizioni. Un'Europa che costi di meno e che contribuisca di più allo sviluppo dei nostri territori”.

Già a capo della segreteria del Ministro Fontana durante la sua avventura europea, Borchia è oggi consigliere politico del Parlamento Europeo e coordinatore federale di "Lega nel Mondo", che conta rapporti in una ventina di paesi. "Il cambiamento dell'Europa passa per il voto alla Lega e al sostegno di chi vuole mettersi a disposizione del territorio" continua Borchia "Le alleanze, le coalizioni costruite in questi anni saranno determinanti nel futuro assetto europeo, avremo la forza per portare la maggioranza sui nostri temi in merito a immigrazione, innovazione, infrastrutture, sviluppo, la difesa delle nostre eccellenze Made in Italy".

Insieme a Paolo Borchia, a formare un’accoppiata tutta veneta, in corsa per il Parlamento Europeo c'è Paola Ghidoni, commercialista padovana di 45 anni, sposata, madre di Carlotta: “È un privilegio poter combattere per il nostro territorio a fianco di Paolo Borchia, un leghista vero, giovane, ma con una grande conoscenza dei meccanismi europei” spiega. “L’Italia non ha bisogno di lezioni. Ha bisogno di cose normali: sicurezza, investimenti, lavoro. Difendiamo i nostri prodotti e la nostra identità, liberiamo risorse per gli investimenti, rimettiamo al centro le famiglie e la persona umana”.