30/12/2019 15:40

Clochard morto,
"Area da riqualificare"

"Se avessimo lo stile della Lega e di Salvini saremmo qui a speculare sulla morte di un povero senzatetto, invece vogliamo prima di tutto sgomberare il campo da possibili fraintendimenti: i servizi sociali a Verona ci sono e operano in maniera ineccepibile. Quello che non funziona è un'area da troppo tempo abbandonata a se stessa e dimenticata dall'amministrazione comunale: lo dimostra non tanto il suo essere rifugio per disperati, quanto il fatto che sia possibile che venga data alle fiamme la panchina su cui poche ora prima aveva trovato la morte un uomo".

Così la consigliera regionale del PD Orietta Salemi e il consigliere comunale Stefano Vallani intervengono a seguito della morte di un senzatetto a Porta Vescovo. "Da tempo chiediamo che si faccia qualcosa per quest'area, a cominciare da interventi quasi a costo zero, come illuminazione e servizi - sottolineano Salemi e Vallani -. La situazione di degrado che si è creata è davanti agli occhi di tutti e non si vedono segnali di svolta. La riqualificazione della stazione e dei dintorni di Porta Vescovo deve diventare una priorità per rispondere alle richieste dei cittadini, dei commercianti e dei pendolari che ogni giorno frequentano quello che dovrebbe e potrebbe essere un punto strategico per la città, anche in funzione turistica. Invece l'amministrazione comunale sembra non vedere le condizioni in cui versa l'area e la Regione sta dimostrando di non avere nessun piano per il destino della seconda stazione della nostra città. Proprio da qui, dalla riqualificazione della stazione, passa invece il futuro di Porta Vescovo perché una stazione vissuta è il motore per dare nuova vita anche a tutta l'area circostante".

"Per questo - concludono Salemi e Vallani - ribadiamo l'urgenza che Porta Vescovo diventi priorità nell'agenda politica di Comune e Regione".