18/01/2020 18:35

Zoda, un successo
a firma veronese

Gli ultimi a fare grandi numeri erano stati i Sonhora, disco di platino per “Liberi da sempre”, nel 2008. Ma erano anni che non arrivava un disco d’oro per un singolo prodotto o scritto da veronesi, ci voleva Daniele Sodano, in arte Zoda, un rapper di 23 anni romano, non di Verona, ma lanciato da una casa discografica scaligera, gli Orange Studios, che ne ha fiutato le potenzialità.

Zoda oggi ha 160mila seguaci solo su Facebook, su Instagram 680mila, quasi tutti giovanissimi. Si rivolge a loro chiamandoli alieni: “Siamo sciolti come cani in giro morti per le mazze”, scrive in “Balla” e fa 8 milioni di visualizzazioni su Youtube, 16 milioni di click su Spotify. Un successo anche veronese.