21/01/2020 12:30

"Torturata nuda con
le sigarette sul corpo"

Sono in carcere da più di un anno Mirko Altimari e Giulia Buccaro, la coppia ribattezzata come “diabolica”. Marito e moglie, (31 anni lui e 28 lei) erano stati arrestati dalla Polizia nelle indagini per tre casi che hanno avuto vittime giovani donne adescate dai due imputati con la scusa di fare le baby-sitter.

Una trappola sconvolgente: le ragazze venivano trascinate con l’inganno in posti isolati, venivano spogliate, violentate e filmate per poi minacciare di mettere i video in rete. Oggi è attesa una nuova udienza in vista del verdetto: le vittime hanno chiesto un risarcimento danni di 100 mila euro a testa.

Intanto, dalle indagini emergono nuovi inquietanti dettagli sulle violenze subite da una delle vittime, una veronese di 24 anni, che aveva denunciato uno degli abusi: Altimari e la Buccaro l'avrebbero sequestrata mentre camminava in via XX Settembre e poi portata con la macchina fino ad un campo nella zona di Poiano. La coppia ordinò alla 24enne di spogliarsi completamente nuda nonostante il freddo pungente, venendo prima picchiata (e insultata) e poi frustata alla schiena con un ramo. Dopo averla obbligata a bere mezza bottiglia di vodka avrebbero spento le sigarette, che avevano appena finito di fumare, sul corpo della giovane, costringendola infine a praticare un rapporto sessuale orale ad entrambi venendo filmata: prima a lui e poi a lei.

Ma la vittima non ha ceduto ai ricatti (minacce di mettere il video online) e ha denunciato tutto alla Polizia: ora attende giustizia come le altre due babysitter vittime della vicenda.