12/02/2020 10:00

Si fa scudo col bimbo
per evitare l’arresto

Aveva usato suo figlio di tre anni come scudo per evitare l’arresto dei carabinieri che cercavano di bloccarlo a San Massimo, lo scorso aprile. Così i militari dell’Arma avevano messo le manette ad un tunisino di 38 anni, ritenuto responsabile di "detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio" e "resistenza a pubblico ufficiale”. Ieri, in Tribunale, il giudice lo ha condannato a 6 anni di reclusione e a 30 mila euro di multa.

L'uomo aveva iniziato ad inveire contro i carabinieri, cercando anche di farsi "scudo" con il figlio di tre anni che viaggiava con lui, minacciando di "scagliarlo sotto le macchine lungo la strada per poi dare la colpa ai carabinieri".

Dopo alcuni attimi di concitazione, grazie all'intervento di più pattuglie, l'uomo è stato finalmente bloccato ed il piccolo è stato messo in sicurezza insieme alla mamma, che aveva assistito a tutta la scena. Successivamente, a seguito della perquisizione, i militari dell'Arma avevano individuato, sotto un sedile dell'auto, un blocco di cocaina dal peso di 120 grammi, oltre a quasi 2000 euro in contanti.