12/02/2020 11:20

Caso Sert, Pm chiede
9 anni per Serpelloni

Continua il Processo per il Caso Sert. Il pm Paolo Sachar, come riporta il Corriere di Verona, ha presentato agli imputati un conto salato: sono stati chiesti 9 anni di reclusione al dirigente del Sert in carica, Giovanni Serpelloni (prima licenziato dall’ex dg dell’allora Usl 20 Bonavina e poi reintegrato dal Tribunale del Lavoro).

Serpelloni è sotto accusa insieme a due colleghi (e altri tre imputati). Chiesti 8 anni di reclusione al dottor Maurizio Gomma e 7 al collega Oliviero Bosco. Dalla tentata concussione alla turbativa d’asta. Secondo la ricostruzione della Procura, i tre medici avrebbero preteso dalla Ciditech (società assegnataria dell’assistenza e manutenzione del software usato da oltre 200 Usl in tutta Italia per la gestione dei dati sulle tossicodipendenze), prima una percentuale sulle somme incassate e poi, a nome dell’ex Usl 20 ma in realtà all’insaputa della direzione generale, 100mila euro a titolo risarcitorio.

La difesa invece sostiene che i tre medici non avrebbero avuto in tasca alcun vantaggio, mentre a guadagnarci, secondo la loro versione, sarebbe stata solo la Ciditech, detentrice di contratti con le 200 Usl per la manutenzione e l’assistenza del software.