21/02/2020 09:10

Lo rimprovera perché fa
pipì: aggredito, 3 daspo

Daspo per un padre veronese e i suoi due figli minorenni, tutti denunciati dalla Digos di Verona per l'aggressione ad un uomo che aveva redarguito uno di loro che stava urinando in mezzo alla strada. Il fatto è avvenuto il 12 gennaio scorso prima dell'incontro di calcio Verona-Genoa. Gli indagati sono accusati a vario titolo e in concorso, di violenza e resistenza a un pubblico ufficiale, lesioni personali, minaccia e rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità personale; al padre è stata contestata anche l'aggravante per aver commesso i reati contestati insieme ai figli minorenni.

La polizia era intervenuta dopo aver visto dall'impianto di videosorveglianza dello stadio un'aggressione di tre persone contro una quarta, mentre due vigili tentavano di portare la situazione alla normalità, finendo però entrambi a terra dopo essere stati spinti dai facinorosi. I tre indagati si erano scagliati contro il malcapitato dopo che questo, avendo notato uno dei due giovani urinare contro un albero alla presenza di numerose persone, lo aveva rimproverato facendogli notare che c'erano lì vicino i bagni. La vittima era poi dovuta ricorrere alle cure dell'ospedale dove gli avevano diagnosticato un trauma cranico con policontusioni, con una prognosi di 12 giorni. Pertanto il Questore di Verona, Ivana Petricca, ha avviato, nei confronti di tutti i responsabili, il procedimento amministrativo volto all'emissione dei provvedimenti "Daspo", che inibiranno loro l'accesso agli stadi.