25/03/2020 15:46

“Il sistema universitario
Veneto non si ferma”

"Lezioni, esami, master, servizi online: il sistema universitario veneto non si è fermato nonostante le restrizioni imposte dal Coronavirus. Ringrazio con vivo apprezzamento i rettori, i docenti, il personale tecnico-amministrativo e gli studenti perché non si sono fatti trovare impreparati, né si sono persi d'animo di fronte ad una sfida oggettivamente nuova e massiva, che ha imposto dall'oggi al domani di cambiare le modalità didattiche, operative e di certificazione dell'intera attività universitaria".

L'assessore regionale all'Istruzione, Formazione e Università, Elena Donazzan, dopo aver incontrato i rettori dei 4 atenei veneti (Michele Bugliesi di Cà Foscari, Alberto Ferlenga dell'università Iuav di Venezia, Rosario Rizzuto di Padova e Pier Francesco Nocini di Verona) sul proseguo dell'attività didattica per gli oltre 100 mila universitari iscritti, sottolinea impegni e risultati delle istituzioni accademiche del Veneto e il sostanziale allineamento raggiunto dalle quattro realtà universitarie di Venezia, Padova e Verona, anche nelle loro sedi distaccate”.

“In questo momento di grave difficoltà per tutto il Paese va reso merito all'intuizione e alle capacità tecniche del mondo universitario che già da anni, grazie alle competenze tecniche dei propri docenti, tecnici e dipartimenti, ha sperimentato teledidattica e corsi e-learning - aggiunge Donazzan - Ma vanno riconosciuti anche il grande sforzo dell'intera classe docente nel cimentarsi e familiarizzare con le nuove tecnologie al fine di garantire la continuità didattica ai loro allievi e il senso di responsabilità degli studenti che hanno subito colto la nuova opportunità. I rettori mi hanno confermato che oltre il 90 per cento degli iscritti si collega e frequenta da remoto. Le piattaforme informatiche di gestione della didattica e degli esami online di Padova e Venezia sono state prese a modello anche da importanti università estere".