26/03/2020 13:40

"Cura Italia": 78 nuovi
medici a Verona

Nei giorni scorsi l'Ordine dei Medici chirurghi e Odontoiatri di Verona ha accolto tra le proprie fila una prima tranche di 78 nuovi iscritti per effetto del Dpcm «Cura Italia», che ha reso la laurea in Medicina e chirurgia definitivamente abilitante all'esercizio della professione di medico chirurgo.

«L'Italia si allinea agli altri Paesi europei», afferma il presidente dell'OMCeO di Verona, Carlo Rugiu. Infatti il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 17 marzo 2020 ha dato una spallata al vecchio sistema di abilitazione che prevedeva il superamento dell'esame di Stato. D'ora in avanti, anche quando l'emergenza Covid-19 sarà passata, per essere abilitati basteranno il titolo accademico e la conclusione positiva del tirocinio formativo di tre mesi.

«I giovani colleghi, usciti da un corso di studi della durata di sei anni, sono pronti per essere immessi nel mondo del lavoro senza dover aspettare dei mesi (fino a sei, dopo la laurea) per poter sostenere l'esame di Stato. Una situazione che torna utile in questo momento di carenza di personale sanitario. Attenzione: non verranno impiegati in prima linea, ma saranno destinati a contesti più tranquilli, come la loro preparazione e giovane età richiede. Per esempio in sostituzione dei medici di famiglia in isolamento fiduciario. Ciò permetterà, però, di “liberare” camici bianchi più anziani e già specialisti da impiegare laddove l'emergenza sanitaria lo richiede».

I primi 78 iscritti sono coloro che, in ordine di presentazione delle domande, allo stato attuale hanno perfezionato la procedura secondo l'iter amministrativo stabilito dalla Fnomceo (Federazione nazionale degli Ordini dei Medici).

«Avevamo già in mente di iscriverli con una procedura d'urgenza», spiega Rugiu, «ma tanti di loro ci hanno sollecitati a sbrigarci per poter iniziare subito a lavorare. Ciò mi ha fatto particolarmente piacere: significa che non temono il momento, ma sono ansiosi di mettersi a disposizione della collettività. Partono con il piede giusto. A nome della comunità medica e della città do loro il benvenuto nell'Ordine dei Medici di Verona».

Ulteriori tranche di nuovi iscritti saranno oggetto di successive determine del presidente dell'OMCeO.