29/06/2020 12:26

Sit-in a Verona
per la Palestina

Sit-in anche a Verona per la difesa del diritto del popolo palestinese a vivere in pace. In piazza Dante si è tenuta un'iniziativa contro l'annessione israeliana dei Territori palestinesi occupati e per l’immediato riconoscimento dello Stato di Palestina nei confini del 1967 con Gerusalemme capitale condivisa (GUARDA VIDEO).

"Una decisione che non può più essere rinviata - dicono i manifestanti, capitanati da Mao Valpiana - l’annessione dei territori palestinesi della Cisgiordania, di Gerusalemme Est e della Valle del Giordano che il governo di Israele vuole "legalizzare", è una forzatura e costituisce un grave errore che vuole spazzare via le Risoluzioni delle Nazioni Unite e il diritto internazionale. A questo disegno, che ha già provocato guerre e sofferenze in tutta la regione medio orientale, non vi può essere indifferenza o silenzio da parte della comunità internazionale".

"La pace giusta è un impegno ed una responsabilità di ogni democrazia e comunità che si riconosce nei principi e nei valori della Carta delle Nazioni Unite e nel primato del diritto e della politica per la risoluzione dei conflitti - ribadiscono i manifestanti - Rinnoviamo quindi le nostre richieste, espresse anche nella lettera appello rivolta da molti parlamentari al governo italiano e all’Unione Europea, dimostrando così la volontà e l’impegno per la pace giusta. Chiediamo, inoltre, di sospendere la cooperazione militare con lo Stato di Israele, fin quando persiste l’occupazione e l’isolamento della Striscia di Gaza. Non si può continuare a far finta di nulla di fronte alla sofferenza del popolo palestinese e all'esproprio della sua terra. Il popolo palestinese ha diritto ad avere il proprio stato e a vivere in pace".



Guarda anche: