31/07/2020 12:50

Zaia:Ordinanza in Veneto
prorogata al 15 ottobre

"Abbiamo capito che c'è chi è più contagioso e chi meno contagioso. Ora a differenza di marzo abbiamo tantissimi positivi che sono asintomatici, più del 70%, perché la carica virale è più bassa. Clinicamente non siamo in emergenza ma non dobbiamo abbassare la guardia. In Veneto attualmente abbiamo 45 focolai". Così Luca Zaia in conferenza stampa, venerdì mattina, fa il punto della situazione Coronavirus in Veneto.

Zaia ha continuato: "Oggi firmo l'ordinanza che proroga tutte le misure fino al 15 ottobre, perché è la data di scadenza dello Stato emergenziale data dal Governo. Non c'è nulla di nuovo da segnalare, rimangono attivi i provvedimenti attuali".

"Più di metà dei contagi arrivano dall'estero. Non esiste che ci debba essere il rischio di nuovi focolai importanti dall'estero. Più del 90% dei migranti che arrivano in Italia non scappano dalla fame o dalle guerre - ha proseguito il Governatore - bisogna tenere sotto controllo questa situazione. Dalla caserma di Treviso non deve uscire nessuno, le persone in quarantena sono sorvegliate 24 ore su 24 anche se si lamentano".