05/08/2020 15:05

Interporto di Verona
leader in Europa

L’Interporto Quadrante Europa di Verona conferma la sua egemonia a livello Europeo.

Il Quadrante Europa sfiora addirittura il primo posto. Per un solo punto, l’Interporto tedesco di Brema (362 punti su 400) è il primo classificato contro i 361 punti di Quadrante Europa, con Verona che mantiene comunque la sua leadership tra tutti gli interporti italiani.

“Un risultato di cui siamo tutti orgogliosi e che ci incoraggia a dare il massimo, quell'unico punto che di distacca da Brema diventa una sfida da vincere": lo afferma il sindaco di Verona Federico Sboarina dopo la presentazione del bilancio del Consorzio Zai.

"Ora, a maggior ragione, il nostro obiettivo dev'essere quello di dare massima continuità allo sviluppo dell'Interporto scaligero, guardando con lungimiranza anche alla crescita di tutta la città - sottolinea -. Verona vanta il più importante interporto in Italia per volumi di traffico, in testa alle classifiche europee per qualità del servizio, dipendenti, standard di efficienza. E, infatti, il 2019 è stato un anno da record per il traffico combinato di merci al Quadrante Europa, dati che confermano la buona gestione della struttura che è per il nostro territorio un volano economico significativo".

L'aumento dei flussi intermodali testimonia, per il sindaco, "la competitività del sistema logistico". "Un primato che vogliamo mantenere a tutti i costi - rileva - anche perché attesta la vocazione internazionale di Verona, al centro dei due più importanti corridoi viari e ferroviari europei. Lo ribadisco, la nostra mission dev'essere quella di mantenere la centralità della nostra città, garantendo così la crescita economica di tutto il territorio - conclude -. Allo stesso tempo di prepararci ad intercettare nuovi flussi per quando, ad esempio, sarà ultimato il tunnel di base del Brennero".

Soddisfatto per il risultato della classifica il presidente dell'Interporto Quadrante Europa di Verona, Matteo Gasparato:

"Dopo essere stato per 10 anni al primo posto nelle due precedenti classifiche tra gli interporti europei, l’interporto di Verona si è confermato al pari di quello di Brema leader fra le infrastrutture logistiche intermodali europee, un modello a cui guardano con attenzione anche gli altri Paesi.

Ritengo che tale risultato sia merito dell’ente di gestione dell’Interporto – il Consorzio ZAI –, delle sue società controllate, ma soprattutto merito dell’attività svolta dalle oltre 140 aziende di logistica e di trasporto operanti nell’area del Quadrante Europa.

Il risultato ci sprona comunque a lavorare sempre meglio, ad aumentare la qualità e la varietà dei servizi offerti dall’interporto di Verona e ad investire nello sviluppo di nuovi terminali per espandere sempre di più la capacità terminalistica del nostro interporto, attuare delle politiche di sviluppo green con l'obiettivo di incentivare sempre di più il trasporto su ferrovia, decongestionando la rete autostradale italiana e contribuendo ad abbassare i livelli di inquinamento".